Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Aggiornamenti sul Coronavirus (COVID-19)

Data:

05/06/2020


Aggiornamenti sul Coronavirus (COVID-19)

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 03/05/2021

 

COVID-19 E AZERBAIGIAN

I NUMERI DA CONTATTARE IN CASO DI NECESSITA'

SITUAZIONE RELATIVA AI COLLEGAMENTI INTERNAZIONALI

CITTADINI ITALIANI IN RIENTRO DALL'ESTERO E CITTADINI STRANIERI IN ITALIA

ULTERIORI INFORMAZIONI E APPROFONDIMENTI

PREVENZIONE E SANITA'

 

COVID-19 E AZERBAIGIAN

 

Con decreto ministeriale il Governo azerbaigiano ha prolungato il periodo di “lockdown” fino al 1 giugno 2021 su tutto il territorio dell'Azerbaigian. Il regime speciale di “quarantena” attuale volto al contenimento dell'epidemia da coronavirus continuerà fino al 1 giugno 2021 alle ore 06:00.

Rimangono chiusi grandi centri commerciali, palestre e centri sportivi. A partire dal 25 gennaio 2021 alle ore 00.00 sarà tolto il divieto applicato agi spostamenti interurbani tra le principali città del Paese: Baku, Ganka, Sumgayit, Mingachevir, Shirvan, Lankaran, Masalli, Jalilabad, Sheki, Zagatala, Guba, Khachmaz, Yevlakh, Barda, Bilasuvar, Ismayilli, nonché il distretto di Absheron.

La Metropolitana di Baku rimane chiusa fino al 1 giugno 2021 e rimane in vigore il divieto al circolo dei trasporti pubblici nei fine settimana fino alla fine del regime di quarantena; a partire dal 2 novembre tutte le istituzioni educative si svolgono le loro attività in formato online.

Inoltre, si può installare l'applicazione "E-Tabib" tramite l'App Store o Google Play Store per poter controllare la situazione dei contagiati di coronavirus a seconda della zona in cui ci si trova.

 

E' obbligatorio indossare la mascherine sia nei luoghi pubblici chiusi che in tutti gli spazi aperti, pena ammende fino a AZN 100 (EUR 50).

  

L'Ambasciata raccomanda ai connazionali la più stretta osservanza delle norme sopra indicate.

 

I NUMERI DA CONTATTARE IN CASO DI NECESSITA'

 

Sono a disposizione dell'utenza anglofona i seguenti numeri verdi per segnalare eventuali emergenze:

· Sede Operativa presso il Consiglio dei Ministri: +994 12 492 4161; +994 12 7554; +994 12 505 0330

· Ministero degli Affari Esteri dell’Azerbaigian: +994 12 596 9449

· Agenzia statale per l'assicurazione medica obbligatoria: 1542

· Pronto Soccorso: 103 (solo in lingua azera e russa)

 

Il numero di reperibilità dell’Ambasciata è a disposizione in caso di emergenza: (+994 50 210 60 54). NO SMS.

 

SITUAZIONE RELATIVA AI COLLEGAMENTI INTERNAZIONALI

 

Sono chiuse al transito di persone, fino al 1 giugno 2021, le frontiere terrestri dell'Azerbaigian con Iran, così come tutti i collegamenti ferroviari e marittimi internazionali.

- A partire dal 4 aprile e fino almeno al 1 aprile 2021, sono sospesi anche tutti i collegamenti aerei internazionali. Tuttavia, a partire dal 1 agosto Azerbaijan Airlines ha annunciato il ripristino dei voli giornalieri sulla rotta Baku-Istanbul. A partire dal 4 agosto i voli per Istanbul sono aumentati a 11 volte alla settimana (saranno operati due voli al giorno: martedì, giovedì, sabato e domenica). Anche la compagnia Turkish Airlines ha ripristinato i voli diretti tra Baku e Istanbul due volte a settimana (mercoledì e venerdì).

 I biglietti sono disponibili sui seguenti siti:

Azerbaijan Airlines - https://www.azal.az/en/

Turkish Airlines - https://www.turkishairlines.com/

 

- A partire dal 4 dicembre, Belavia ha ripristinato i voli sulla rotta Baku-Minsk, i voli sono quattro volte a settimana (martedì, venerdì, sabato e domenica).

I biglietti sono disponibili al seguente link:

https://belavia.by 

 

- Dal 1 marzo Azal ha ripristinato i voli sulla rotta Baku- Dubai- Baku due volte a settimana (lunedì e venerdì);

 

- A partire dall'8 marzo Azal ha ripreso i voli tra Baku-Kiev due volte a settimana (lunedì e giovedì);

 

- Dal mese di giugno Azal ripristinerà i voli diretti tra Baku-Londra una volta a settimana (sabato);

 

I biglietti sono disponibili sul sito di AZAL (https://www.azal.az/en/).

 

 

E’ obbligatorio effettuare un test tampone (della tipologia PCR) nell'arco delle 48 ore precedenti il volo, ottenendo il relativo certificato da presentare all'imbarco. E’ consigliabile munirsi di un certificato di negatività verificabile mediante codice QR, poiché i passeggeri che ne siano sprovvisti potrebbero essere sottoposti a controlli di sicurezza più prolungati e accurati. Tale test può essere effettuato in alcune cliniche convenzionate con Azerbaijan Airlines, in particolare:

- Referans Clinic (via Mirzabali Mamedzade, 8; https://referansclc.com/index.php?lang=az);

- Inci Laboratoriyalari (Bulbul pr. 40, https://incilab.az/departments/merkez-filiali/);

- Memorial (Cara Qarayev pr. 38A; http://memorialklinik.az/elaqe/);

- Leyla Medical Centre (https://leylamc.az; Yusif Safarov str. 19);

- Bona Dea International Hospital (Mehdi Abbasov Street 2; https://www.bonadea.org);

- Center for Control of Particularly Dangerous Infections (Mammadali Sharifli str. 159);

- Caspian International Hospital (https://cih.az; Badamdar, 1th residential area 31);

- Ultralab (5th Micro Region, Asif Maharramov str. 156C).

Solitamente le cliniche richiedono, oltre a un documento di identità, copia del biglietto aereo, pertanto consigliamo di procedere all'acquisto per tempo, prima di effettuare il test.

 

MISURE PER CHI ARRIVA IN AZERBAIGIAN DALL'ITALIA

Prima di imbarcarsi su un volo diretto in Azerbaigian, è necessario acquisire un certificato che comprovi l'effettuazione di un tampone PCR, con esito negativo, nelle 48 precedenti il volo. Anche ai passeggeri muniti di tale certificato potrebbe essere indicato l'obbligo di mantenersi in isolamento domiciliare per i 14 giorni successivi all'arrivo sul territorio azerbaigiano.

 

 

CITTADINI ITALIANI IN RIENTRO DALL'ESTERO E CITTADINI STRANIERI IN ITALIA

Clicca qui per leggere: https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html 

 

ITALIAN NATIONALS RETURNING IN ITALY AND FOREIGNERS IN ITALY

Read in english here: https://www.esteri.it/mae/en/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html

INGRESSO/RIENTRO IN ITALIA DALL'AZERBAIGIAN:
Il rientro/l’ingresso in Italia, in caso di soggiorno/transito nei 14 giorni precedenti dall'Azerbaigian, è sempre consentito ai cittadini italiani/UE/Schengen e loro familiari, nonché ai titolari dello status di soggiornanti di lungo periodo e loro familiari (Direttiva 2004/38/CE). Il DPCM 2 marzo 2021 conferma inoltre la possibilità di ingresso in Italia dall'Azerbaigian, per le persone che hanno una relazione affettiva comprovata e stabile (anche se non conviventi) con cittadini italiani/UE/Schengen o con persone fisiche che siano legalmente residenti in Italia (soggiornanti di lungo periodo), che debbano raggiungere l’abitazione/domicilio/residenza del partner (in Italia). Ove non si rientri in nessuno dei casi precedenti, si può entrare/rientrare in Italia dall'Azerbaigian solo in presenza di comprovate motivazioni (lavoro, salute, studio, assoluta urgenza), indicate all’art. 49 del DPCM 2 marzo 2021. All’ingresso/rientro in Italia dall'Azerbaigian, è obbligatorio:
compilare un’autocertificazione, che verrà a breve sostituita da un formulario digitale di localizzazione. Da quando sarà disponibile il formulario digitale, solo nel caso in cui non sia stato tecnicamente possibile compilarlo, sarà consentito avvalersi di autocertificazione cartacea, redatta secondo i criteri indicati all’art. 50 comma 1 del DPCM 2 marzo 2021. È opportuno essere pronti a mostrare eventuale documentazione di supporto e a rispondere a eventuali domande da parte del personale preposto ai controlli.
Dal 19 aprile, in base all’Ordinanza 16 aprile 2021, è obbligatorio disporre di un certificato che attesti il risultato negativo di un test molecolare o antigenico, condotto con tampone, effettuato nelle quarantotto (48) ore precedenti l’ingresso in Italia, da mostrare a chiunque sia preposto ad effettuare questa verifica.
• Informare l’azienda sanitaria competente per territorio del proprio ingresso in Italia.
• Sottoporsi comunque a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria. Il periodo di sorveglianza è ridotto a dieci (10) giorni per coloro che fanno ingresso in Italia dal 18 aprile 2021. Per coloro che hanno fatto ingresso in precedenza, il periodo di isolamento rimane di quattordici (14) giorni.
• Si può raggiungere la propria destinazione finale in Italia solo con mezzo privato (è consentito il transito aeroportuale, senza uscire dalle zone dedicate dell’aerostazione).
• Al termine dei dieci (10) giorni di quarantena, è obbligatorio effettuare un ulteriore test molecolare o antigenico, condotto con tampone. Se si è entrati in Italia prima del 18 aprile, il test al termine dei quattordici (14) giorni di isolamento non è richiesto.
Sono previste eccezioni a tali obblighi. I casi di eccezione sono reperibili a questo link: http://www.viaggiaresicuri.it/approfondimenti-insights/saluteinviaggio

CLICCA QUI PER INFORMAZIONI SULLA NORMATIVA IN VIGORE IN ITALIA

A seguito delle nuove indicazioni operative pervenute dalle competenti autorità italiane, i cittadini stranieri titolari di permesso di soggiorno italiano scaduto tra il 31/01/2020 e il 31/07/2020 che intendano rientrare in Italia beneficeranno di una proroga al 31/08/2020 della validità di tale titolo di soggiorno.

Per quanto sopra, nel caso di collegamenti diretti (aerei, navali, ecc.) con l'Italia, i cittadini stranieri potranno accadere al territorio italiano senza dover richiedere un visto di reingresso.

Qualora, al contrario, l’itinerario per il rientro in Italia preveda uno o più scali in un altro Paese Schengen, l’interessato dovrà richiedere un visto di reingresso.

Se, infine, il collegamento con l’Italia prevede scali in Paesi extra-Schengen, il richiedente, per prevenire possibili inconvenienti con le autorità di frontiera, potrà munirsi di apposita nota consolare da richiedere via email alla Sezione Visti dell’Ambasciata d’Italia a Baku (baku.visti@esteri.it), allegando alla richiesta copia del passaporto e dei precedenti visti nonché una copia del permesso di soggiorno scaduto.

***

 

ULTERIORI INFORMAZIONI E APPROFONDIMENTI

Covid-19 Guide for Business in Azerbaijan (per gentile concessione dello studio legale Ekvita)

Focus Coronavirus su Viaggiare Sicuri

Presidenza del Consiglio dei Ministri : Coronavirus, le misure adottate dal Governo

Ministero della Salute Italiano : Coronavirus, la situazione in Italia

Protezione civile: Information in ENG

 

PREVENZIONE E SANITA'

DOMANDE E RISPOSTE SUL COVID-19 A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE

GRAFICHE ESPLICATIVE SUI COMPORTAMENTI PIU' FREQUENTI DA ADOTTARE (PREVENZIONE E CONTENIMENTO)

 

 


557