Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

CONTRIBUTI PER SOSTEGNO ALLE CATTEDRE DI LINGUA ITALIANA PRESSO UNIVERSITA’ STRANIERE

S’informano le Istituzioni universitarie interessate che anche quest’anno il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale mette a disposizione dei contributi per la creazione ed il mantenimento di cattedre di lingua italiana. I contributi sono concessi per la creazione ed il funzionamento di cattedre di italiano presso Università straniere e sono destinati alla copertura parziale della retribuzione di insegnanti assunti direttamente dalle Università con contratto a legge locale. Ai fini dell’individuazione delle Istituzioni possibili beneficiarie, con il termine “cattedre di italiano” si intendono cattedre e/o corsi di insegnamento in ambito universitario nei quali la lingua italiana figuri tra le lingue insegnate secondo l’ordinamento dell’istituzione interessata, anche se la cattedra o il corso ha una diversa denominazione. Non si potranno prendere in considerazione richieste di Università dove siano già in servizio lettori di ruolo MAECI inviati dall’Italia. ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTO. Le richieste di contributo dovranno essere composte dalla seguente  documentazione: – Lettera di richiesta e motivazione dell’istituzione universitaria; – Formulario A di richiesta del contributo; –  Formulario B, ovvero la relazione finale sull’utilizzo dell’ultimo contributo eventualmente fruito. In particolare la LETTERA DELL’ISTITUZIONE UNIVERSITARIA (massimo una pagina) dovrà riportare in forma sintetica e al contempo circostanziata la motivazione della richiesta. Dovrà essere redatta su carta intestata dell’ateneo, firmata dal Responsabile accademico e corredata del timbro dell’ateneo. Il FORMULARIO A ovvero la richiesta di contributo per sostegno alle cattedre e/o corsi universitari di lingua italiana dovrà essere redatta sul modello allegato che andrà compilato in ogni sua parte. Infine il FORMULARIO B dovrà essere prodotto dalle università che abbiano beneficiato di contributi nell’E.F. 2023 o nel quinquennio precedente (EE.FF. 2018-2022), a conclusione dei corsi da esse organizzati. Le richieste di concessione dovranno essere inviate alla Sezione Culturale di quest’Ambsciata entro il 15 marzo 2024.